Maschinenfabrik Berthold Hermle AGMaschinenfabrik Berthold Hermle AG

From one to another!
User reports

I perfezionisti

08.03.2021
play
Da sinistra: Patrick Schulz, Alfred Schulz e Michael Schulz con Harald Jaeger di HPV Hermle Vertriebs GmbH.

Per Schulz, l'aspetto esteriore è fondamentale. L'obiettivo della massima precisione caratterizza ogni fase di lavoro, dalla fresatura alla superfinitura a laser. Nella High-Performance-Line di Hermle, l'impresa familiare altamente specializzata ha trovato i centri di lavorazione a 3 e 5 assi che soddisfano questi requisiti.

"La bellezza è d'obbligo, sempre", afferma Michael Schulz, amministratore delegato della Schulz GmbH + Co, un'impresa familiare di 45 dipendenti con sede a Welzheim, nel Baden-Württemberg. E non si riferisce solo ai componenti che Schulz produce, principalmente, per l'industria dei semiconduttori, la costruzione di macchine speciali e il settore della tecnologia di misurazione. Altrettanto importante per lui è un ambiente di lavoro ordinato, in quanto l'ordine, ne è convinto, influenza il modo di lavorare dei suoi dipendenti. Che deve essere più che accurato: "In alcuni casi, produciamo con una precisione di +/- 1 µ."

Le macchine Hermle soddisfano le elevate esigenze del produttore in termini di precisione e qualità della superficie.

Presente fin dall'inizio

Alfred Schulz, socio più anziano e proprietario dell'impresa familiare, ha sviluppato la sua tendenza alla perfezione nel periodo in cui era un semplice dipendente. "Ero addetto all'assemblaggio dei robot di handling, e i pezzi da ritoccare erano tanti", ricorda. A quel tempo si ripromise una cosa: "Se mai avrò un mio impianto di produzione, a me non accadrà." Un progetto che l'uomo ha realizzato nel 2002, con la fondazione insieme a due colleghi della Heckel & Co. GmbH. E l'investimento in un centro di lavorazione della Maschinenfabrik Berthold Hermle AG. La C 800 V di allora è ancora in funzione, insieme ad altri otto centri di lavorazione acquistati nel frattempo, tutti prodotti a Gosheim.

Un passo decisivo per il successo odierno, il titolare dell'azienda lo ha compiuto nel 2012, quando ha liquidato i suoi cofondatori. Una svolta che ha determinato un significativo progresso, trainato dagli elevati standard con cui Schulz realizza i suoi prodotti. Nel 2013, con l'acquisto della C 40 U e della C 32 U, è seguito l'ingresso nella lavorazione simultanea a 5 assi per la produzione rapida di pezzi complessi.

L'attrezzaggio in parallelo ai tempi di produzione è solo uno dei tanti vantaggi dell'automazione HS flex.

Vista dei due moduli magazzino e del sistema handling dell'automazione HS flex.

La C 42 U con HS flex acquistata nel 2018 ha superato nel giro di un anno le 5.000 ore operative mandrino.

Automazione moltiplicata per due

Nel 2018 la produzione ha nuovamente raggiunto il limite di capacità, portando Schulz ad investire in una C 42 U con sistema di automazione HS flex. "Inizialmente, l'automazione ci incuteva un certo timore", ammette Michael Schulz. Tuttavia, la paura di produrre scarti e la sensazione di insicurezza mentre l'impianto funziona senza alcun presidio si sono rivelate del tutto infondate.

"L'impianto automatizzato produce tanto quanto tre delle nostre macchine autonome e allo stesso tempo solleva i nostri dipendenti da compiti monotoni e ripetitivi", afferma Schulz. Nel giro di un anno, il centro di lavorazione automatizzato ha superato le 5.000 ore operative mandrino, venendo presto sfruttato ben oltre il 100 per cento. Convinto dalla stabilità e dai vantaggi, il team di gestione ha ordinato una seconda C 42 U con soluzione di automazione flessibile. "Ora abbiamo un po' di tempo libero dalla produzione, che possiamo utilizzare ad esempio per i lavori di manutenzione", afferma Schulz. Lavori che vengono ugualmente affidati ad Hermle: "Ha perfettamente senso. Per lo meno, i tecnici di Hermle conoscono al meglio le macchine e sanno cosa fare."

Alfred e Michael Schulz sono totalmente convinti della stabilità e della precisione di tutte le loro macchine Hermle. "Alcuni componenti vengono lavorati per diverse settimane. Persino dopo quattro settimane, non c'è bisogno di alcuna correzione. Siamo nel range di tolleranza di cinque µ", commenta Michael Schulz.

Automation mal zwei

Nel 2018 Schulz ha acquistato il nuovo edificio aziendale a Welzheim.
I pallet per il sistema HS flex sono prodotti dalla stessa Schulz.

Sulle macchine autonome vengono prodotti pezzi singoli e prototipi.

up
arrow up